Cuvèe Prestige

DIECI ANNI di CUVĔE PRESTIGE

LA SUBLIME TRASPARENZA di CĂ DEL BOSCO

a cura di Rocco Lettieri

Il 26 Ottobre scorso l’azienda Cà del Bosco di Erbusco, ha riunito al Four Seasons Milano, una cinquantina di giornalisti e personaggi del vino per presentare e celebrare la Decennale della Cuvée Prestige, attraverso una degustazione inedita che è stata prima illustrata da Maurizio Zanella e poi presentata e commentata con una degustazione di dieci annate (una verticale) di Cuvée Prestige, più un’ultima (giovanissima) del 2015 da Stefano Capelli. Maurizio ha raccontato come si è arrivati dopo 28 anni a questo importante traguardo, che già 10 anni fa, aveva avuto una presentazione ufficiale da Peck in Via Spadari. 28 anni per arrivare ad una Decennale che si è concretizzata in tre parole: Salubrità, Socialità, Innovazione.

L’idea di fare un vino con una qualità “Prestige” nasce negli anni ’90 con l’acquisizione e la piantumazione di nuovi vigneti. E la continuazione della storia è stata raccontata da Stefano Capelli, con l’inizio della “sua” storia e poi del come svolgere la successiva degustazione. Lui - racconta Stefano - nasce il 5 ottobre 1962 ad Almenno San Salvatore (Bergamo). Nel 1981 consegue il diploma di perito agrario presso l’Istituto Agrario di Treviglio e quindi prosegue gli studi alla Scuola Enologica di Conegliano (Treviso). Nel 1986, con un diploma in mano, incontra Maurizio Zanella e conosce Cà del Bosco e inizia la sua carriera a fianco di André Dubois, maître de chai di case dello Champagne, da Taittinger a Moët & Chandon, fortemente voluto da Maurizio Zanella alla guida tecnica della sua Cà del Bosco. Con Dubois si comincia a pensare ad un progetto di prestigio, ma improvvisamente il maestro Dubois lascia la vita terrena e Stefano Capelli, enologo ancora giovanissimo, si ritrova a gestire l’ormai famosa cantina franciacortina, dove ha saputo mettere a frutto preziose conoscenze e un metodo di lavoro che ha saputo custodire, sviluppare e trasmettere al team di lavoro dell’azienda.

Ed ecco che si passa alla degustazione di dieci annate di Cuvée Prestige (dalla 2014 sino alla 2005) assaggiando bottiglie stappate dal cantiniere nel cortile a fianco alla sala degustazione con il metodo tradizionale au voilé. Una esperienza vissuta con il commento di Stefano per ogni bottiglia. Alla fine per gli ospiti presenti, in cortile, con appetizer freddi e caldi di Casa Four Seasons, è stato abbinato il vino Decennale Cuvée Prestige 2015 (con etichetta davvero stupenda), e sempre aperto au voilé.

Cuvée Prestige Decennale 2015

Nel marzo 2016 abbiamo creato questo speciale Franciacorta per celebrare l’anniversario dei 10 anni della “Cuvée Prestige”. Una interpretazione unica, elaborata assemblando vini di base della vendemmia 2015 e vini riserva delle annate 2014 e 2013, tutti per la quota di 1/3. Con questa cuvée abbiamo ricercato l’armonia perfetta nell’unione delle diverse sfaccettature dei tre millesimi. La grande espressività delle due annate di vini riserva ha contribuito a rendere unico questo Franciacorta, fresco, fragrante e dall’elegante maturità.

Uvaggio:

Chardonnay 75% da 124 vigne

Pinot Bianco 7% da 5 vigne

Pinot Nero 18% da 21 vigne

Resa media 94 q.li per ettaro

Tiraggio: da marzo a luglio 2016

Affinamento sui lieviti: l anno e 6 mesi

La storia in breve

Cà del Bosco celebra con orgoglio un importante traguardo raggiunto dal suo prodotto più conosciuto e diffuso a livello internazionale: il decimo compleanno del Franciacorta Cuvée Prestige. Cuvée Prestige è l’espressione piena e matura di Cà del Bosco, artefice del mito della Franciacorta, che ha fatto nascere, crescere e diventare adulta un’identità nuova: un racconto, un gioco di armonie, un’espressione originale e moderna che mette insieme tutti gli elementi distintivi di un diverso modo di pensare, fare e apprezzare il vino.

Cà del Bosco ha semplicemente immaginato e poi realizzato un sogno grazie all’intuito, alla passione, alla dedizione, alla fatica e al tempo dedicato da parte di tutti coloro che hanno creduto nel progetto Cuvée Prestige, un Franciacorta dallo stile e dal gusto inconfondibili. Cà del Bosco, da sempre legata anche al mondo dell’arte, ha scelto di celebrare questo importante anniversario coinvolgendo gli artisti della ceramica policroma Bertozzi & Casoni, la miglior rappresentazione della scultura dipinta, l’unione di due arti (scultura e pittura, appunto). Una relazione, quella tra Cà del Bosco e Bertozzi & Casoni che ha come fil rouge, la terra: che dà origine all’argilla, da una parte, che dà vita alla vite, dall’altra. La terra della Franciacorta è stata studiata, reinterpretata e riprodotta dal duo di artisti in modo fedele e, allo stesso tempo, irriverente, in 10 pezzi unici che verranno battuti all’asta dalla prestigiosa casa Sotheby’s. Il ricavato verrà devoluto in beneficienza a Dynamp Camp, primo camp di Terapia Ricreativa in Italia che opera a livello nazionale ed è parte del network internazionale SeriousFun Children’s Network, fondato nel 1988 da Paul Newman negli Stati Uniti. Nel 2017 Dynamo Camp compie dieci anni, come la Cuvée Prestige. Dynamo Camp offre gratuitamente programmi di Terapia Ricreativa in periodi di vacanza e svago a giovani dai 6 ai 17 anni affetti da patologie gravi o croniche. In particolare il ricavato verrà destinato ad uno dei progetti di Dynamo Camp: Art Factory, un viaggio nell’arte che Dynamo Camp regala ai piccoli ospiti grazie alla collaborazione di affermati artisti contemporanei. (www.dynamocamp.org).

Gli artisti Bertozzi & Casoni hanno prestato la loro creatività anche per la reinterpretazione dell’inconfondibile etichetta di Cuvée Prestige, ispirati dalle loro sculture. La produzione di Cuvée Prestige in vendita da fine ottobre a tutto dicembre 2017 avrà quindi, a sorpresa, quest’etichetta in edizione limitata. Infatti, solo 1 bottiglia delle 6 presenti in ogni scatola avrà l’etichetta speciale, rendendo ancora più esclusivo il possesso della stessa.

*****

Cà del Bosco è leader nella produzione di Franciacorta dal finissimo perlage. Una posizione raggiunta grazie all’entusiasmo, alla passione, alla fatica e al lavoro che fin dagli anni ’70 hanno permesso di trasformare una casa in un bosco di castagni in una delle più moderne e avanzate cantine. In Cà del Bosco c’è un unico principio che comanda e definisce tutta la produzione, dalla scelta in vigna all’imbottigliamento. La qualità, o meglio, solo il livello più alto della qualità: l’eccellenza.

Torna a Saper di Sapori