World Wine Symposium

9 - 12 Novembre 2017 – Villa D’Este – Cernobbio

Il Simposio del Vino d’Este 2017 avrà come tema principale l’evoluzione sostenibile

e le nuove pratiche nei vigneti europei a tutti i livelli.

6 Seminari

3 Degustazioni di prestigio

300 partecipanti

25 Paesi

A cura di Rocco Lettieri

Il Villa d’Este Wine Symposium, creato dal presidente e fondatore del Grand Jury Européen François Mauss, si sta preparando per la nona edizione che si svolgerà dal 9 al 12 Novembre nei saloni di Villa D’Este. François Mauss da nove anni lavora sul concetto del Villa d’Este Wine Symposium, una riunione annuale che consente ai maggiori player mondiali nel settore del vino di incontrarsi per discutere e difendere gli interessi storici, sociali, economici, politici e culturali dei grandi vini. Organizzato per la prima volta nel 2009, a Cernobbio, a Villa d’Este, la manifestazione ha raggiunto rapidamente un grandioso successo che ogni anno si ripete. Il grande vino non è un prodotto economico come gli altri, in quanto è ricco di dimensioni storiche e culturali. Era necessario trovare un luogo per la riunione annuale, consentendo ai principali attori a livello mondiale nel settore del vino di soddisfare queste richieste. Qui a Villa D’Este c’è tutto. I seminari beneficiano di traduzione simultanea che permettono ai partecipanti di seguire ogni relazione indipendentemente dalla lingua madre. Il Villa d’Este Wine Symposium è diventato così luogo di scambio internazionale ed eterogeneo sul mondo dei vini.

Champion “de l’art de vivre”, Villa d’Este, sede dalla prima edizione del “Villa d’Este Wine Symposium”, è luogo idilliaco per trascorrere i giorni previsti per questo incontro. Membro di Leading Hotels of the World, fiore all’occhiello dell’omonimo Gruppo Alberghiero, è proprietà di una importante famiglia italiana di imprenditori alla quale fa capo anche Villa La Massa a Firenze. Prendere un “Bellini” sulla terrazza mentre il sole tramonta sul lago è già di sé una esperienza. Quasi una scena teatrale: un balletto di maîtres e sommelliers attenti ad ogni minimo desiderio. Una vera delizia scoprire i sapori delicati dei piatti preparati dallo Chef Michele Zambanini; un’alta gastronomia fra le più stimate al mondo.

Queste le prime informazioni riguardanti gli eventi e le famose ed esclusive degustazioni.

Seminari con traduzioni simultanee: in italiano, inglese, francese e tedesco

Venerdì 10 novembre a.m. Tavola rotonda sull'uso di pesticidi Dopo un'introduzione del professor David Khayat, famoso oncologo e grande amante del vino a livello mondiale, i quattro relatori seguenti condivideranno i loro punti di vista e le loro esperienze personali: - Marchese Piero Antinori, dall'Italia - Egon Müller, dalla Germania - Aubert de Villaine, dalla Francia - Lilian Berillon, informazioni: http://www.lilian-berillon.fr

Gli oratori spiegheranno come i trattamenti antiparassitari nei vigneti sono diventati un problema importante nei loro rispettivi Paesi: stato critico, misure da prendere già in fase di esecuzione e problemi e impatto sulla viticoltura e sullo stile dei vini.

Venerdì 10 novembre p.m. Hervé Berland: «Château Montrose: un approccio organico ai Grandi Vini»

Hervé Berland, amministratore delegato di Château Montrose, proprietà della famiglia Bouygues, ci fornirà una spiegazione dettagliata sulle politiche di sostenibilità attuate nella proprietà a partire da 10 anni fa. Politiche volte a diventare pienamente energia sufficiente per integrare un approccio organico e sostenibile a tutti i livelli, senza perdere le qualità e il carattere del terroir riconosciuto di Château Montrose.

Sabato 11 novembre a.m. Angelo Gaja: «Cambiamenti climatici e artigiani del vino» Angelo Gaja, il famoso produttore piemontese, che ora sta gradualmente consegnando i regni della crescente attività familiare ai suoi figli, condividerà la sua visione dei cambiamenti climatici previsti. Con il suo recente investimento in una vigna sull’Etna e con le sue proprietà nella zona di Bolgheri e di Montalcino, condividerà la sua visione e le sue esperienze da tutte e tre le regioni.

Sabato 11 novembre a.m. Roman Niewodniczanski: «I vigneti della Saar: passato, presente e futuro» Roman è il proprietario di una delle regioni più venerate della Germania, il Weingut Van Volxem di Wiltingen. Appassionato del glorioso vino della regione, quando i vini della Mosella sono stati tra i più costosi del mondo, ci spiegherà come attualmente si adatta ai mercati mondiali senza perdere l’antica identità della sua regione e il Riesling come varietà.

Sabato 11 novembre p.m. Axel Marchal e Gabriel Lepousez: «Evoluzione del gusto» In che misura l’impatto dei nuovi approcci alla viticoltura e ai metodi di vinificazione influenzano il gusto e lo stile dei vini?

I WORKSHOP EDIZIONE 2017 Due seminari sono offerti come alternative ai seminari.

A) Nyetimber

Questo produttore pionieristico di grandi vini spumanti in Gran Bretagna, presenta la tenuta e i vini attraverso una sua personalissima degustazione.

B) Von Winning & Helmut Dönnhoff

Una illustrazione di due diverse tipologie di Riesling provenienti da due importanti regioni della Germania: Palatinat e Nahe con Von Winning e Helmut Dönnhoff.

Tre DEGUSTAZIONI “PRESTIGE”

Queste degustazioni si svolgono rispettivamente giovedì, venerdì e sabato alle 17.30.

È necessaria una pre-registrazione obbligatoria.

Una verticale di Valbuena, il secondo vino di Vega Sicilia, Tempranillo millesimato: Annate 2012 - 2010 - 2007 - 2006 - 2005 - 2004 - 1998 Moderatori: Sig. Gonzalo Iturriaga (DT) o Sig. Antonio Menendez (GM) Limitato a 50 posti Una verticale di Riesling della Weingut Egon Müller: 2015 Scharzhofberger Kabinett "alte Reben" 1994 Scharzhofberger Kabinett 2015 Scharzhofberger Spätlese 1997 Scharzhofberger Spätlese 1988 Scharzhofberger Auslese 1975 Scharzhofberger Auslese Goldkapsel 1975 Scharzhofberger Auslese Eiswein 1976 Scharzhofberger Trockenbeerenauslese Moderatore: Monsieur Egon Müller Limitato a 50 posti Una verticale di 2 Grand Crus di Domaine Armand Rousseau Chambertin GC: 2012 - 2010 - 2009 - 2006 Clos St Jacques PC: 2012 - 2010 - 2009 - 2006 Vino di introduzione di stile Rousseau: Lavaux St Jacques 2012 Moderatore: Monsieur Eric Rousseau Limitato a 50 posti registration@worldwinesymposium.com

Momenti culinari: un’esclusiva lezione di cucina con l’Executive Chef Michele Zambanini; pranzi e cene preparati dalle mani sapienti dello Chef e dalla brigata di Villa d’Este. Durante i pranzi e le cene gli ospiti avranno modo di degustare vini portati dai produttori partecipanti.

Performance musicali: Maurizio Baglini al pianoforte, Silvia Chiesa al violoncello e Nicolas Dautricourt al violino intratterranno gli ospiti con sinfonie di musica classica.

Tra le più importanti partecipazioni all’evento spiccano nomi come Vega Sicilia, Château Ausone, Château Montrose, Domaine de la Romanée-Conti, Maison Jadot, Maison Albert Bichot, Domaine Rousseau, Antinori, Poggio di Sotto, Grattamacco, ColleMassari, Podere Forte, Sandrone, Bruno Rocca, Egon Müller, Weingut Van Volxem, Roberto Voerzio, Weingut Loosen, Weingut Dönnhoff, Weingut Martin Wassmer e molti altri.

Per ogni altra informazione: info@vdews.com

Telefono. +352 62117 11 88 www.vdews.com Blog. http://gje.mabulle.com/

VILLA D’ESTE WINE SYMPOSIUM 2017

Dal 9 Novembre (3 pm) al 12 Novembre (11am) Via Regina, 40 - 22012 Cernobbio (Como) - Italia info@villadeste.it www.villadeste.com

Contatti Marketing & PR: Isabella Brusco – isabella.brusco@villadeste.it - Tel +39 031 3481